Analisi forex: Euro, Dollaro e Sterlina tra BCE e NFP

Nel mondo dei mercati finanziari, l’attenzione è ora focalizzata su una serie di eventi chiave che potrebbero influenzare notevolmente i cambi valutari tra euro e dollaro statunitense, nonché tra sterlina e dollaro. Oggi e domani rivestono un’importanza particolare, con la pubblicazione del tasso di interesse da parte della Banca Centrale Europea e i dati sull’occupazione non agricola dagli Stati Uniti in arrivo.

La Banca Centrale Europea (BCE) ha annunciato che alle ore 14:15 di oggi verrà reso noto il tasso di interesse, seguito da una conferenza stampa trenta minuti più tardi.

Questi eventi sono destinati a creare una considerevole volatilità nei mercati valutari, in particolare per quanto riguarda l’euro rispetto al dollaro.

Analisi forex su sterlina dollaro americano (GBP/USD)

Analizzando il grafico del cambio GBP/USD, possiamo notare che nella sessione di trading di ieri il cambio ha toccato il livello di 1,2760, per poi intraprendere un movimento correttivo e attualmente sembra rimbalzare intorno a 1,22724.

Il prezzo è rimasto sostanzialmente stabile tra le 10:00 e le 16:00 di ieri, un periodo che potrebbe essere significativo per la direzione futura del mercato.

L’andamento futuro del cambio sterlina-dollaro dipenderà in gran parte dall’effetto delle notizie imminenti, ma è plausibile ipotizzare un ritorno verso i massimi recenti seguito da un ulteriore rialzo, con l’obiettivo di raggiungere la zona compresa tra 1,22780.

Tuttavia, un’alternativa potrebbe essere un ritracciamento più profondo, con la rottura del livello di 1,22724 per poi puntare verso 1,27095. Le medie mobili esponenziali attualmente indicano un trend rialzista.

Analisi forex su euro dollaro americano (EUR/USD)

Per quanto riguarda l’euro rispetto al dollaro, l’attenzione è ancora una volta rivolta alla Banca Centrale Europea e alle dichiarazioni della sua presidente, Christine Lagarde.

Il cambio si sta avvicinando al livello di 1,09268, e il suo andamento sarà influenzato dalle parole di Lagarde durante la conferenza stampa. Se ci sarà la forza sufficiente, potremmo assistere a un ulteriore rialzo verso la zona di 1,10. Tuttavia, potrebbe anche verificarsi un rimbalzo, come già avvenuto in passato.

I dati che emergeranno nelle prossime ore saranno cruciali per determinare la volatilità dei mercati. Attualmente, le medie mobili indicano un trend ribassista per il cambio EUR/USD, ma solo il tempo dirà quale direzione prevarrà.

Conclusione

In conclusione, l’analisi forex indica una fase cruciale per gli operatori valutari. Resta da osservare e monitorare attentamente l’evolversi degli eventi, tenendo presente i livelli chiave menzionati in questa analisi.

Si consiglia di restare vigili e pronti a reagire di fronte a eventuali cambiamenti repentini.

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *