Analisi Forex: prospettive su EURUSD e GBPUSD dopo la FED

Buongiorno cari lettori, oggi esamineremo attentamente le ultime dinamiche nei mercati finanziari, concentrandoci sul cambio EURUSD e GBPUSD. Prima di addentrarci nei dettagli, daremo uno sguardo alle recenti notizie macroeconomiche.

Ieri sera, alle 20:00 e 20:30 italiane, la Federal Reserve (FED) ha annunciato i tassi di interesse. Contrariamente alle aspettative, non è stato effettuato alcun rialzo da parte della Banca Centrale Americana.

Tuttavia, tra i documenti rilasciati dalla banca, emergono dettagli interessanti. Si prospetta la possibilità di ben tre tagli nei tassi nel 2024, quasi uno per ogni trimestre. Questo suggerisce la potenzialità di un primo taglio già nei primi tre mesi del 2024, in base ai dati macroeconomici come il PIL, l’inflazione e l’occupazione che verranno pubblicati mensilmente.

Analisi Forex: sterlina dollaro americano (GBPUSD)

Ora, esaminiamo l’andamento della coppia GBP/USD. Un gap di liquidità si è subito formato tra 1.2252 e 1.2262, destinato a essere chiuso nel prossimo futuro, come tipico di tali fenomeni.

Attualmente, il prezzo ha superato il livello di 1.2626. Sarà interessante vedere se riuscirà a mantenere questa posizione, soprattutto considerando gli annunci imminenti. Ricordiamo che alle 13:00 italiane, la Bank of England terrà la sua riunione, seguita alle 14:15 dalla Banca Centrale Europea.

I prossimi obiettivi di prezzo potrebbero situarsi a 1.2670, 1.2679 e successivamente a 1.2694, raggiungendo quota 1.27. Tuttavia, se il prezzo non dovesse rimanere al di sopra di questo livello, ci aspettiamo una correzione verso la zona 1.2258.

Analisi Forex: euro dollaro (EURUSD)

Passando al cambio Euro/Dollaro, notiamo un risveglio da parte di questa coppia valutaria. Ha superato il livello di 1.0837 e ora sta puntando alla zona tra 1.0926 e 1.0927.

In caso di successo, ci aspettiamo un movimento verso la zona 1.1019 e 1.1020.

Al contrario, una rottura del livello di 1.0837 ci riporterebbe nuovamente sui livelli precedenti, mantenendo un’attenzione particolare sulla zona di 1.0825 e 1.0828.

In entrambi i casi, notiamo la presenza di gap di liquidità, come osservato anche nella coppia GBP/USD. È probabile che questi gap vengano riassorbiti nelle prossime sessioni di trading o nelle settimane a venire. Monitoriamo attentamente gli sviluppi e vi terremo aggiornati su questa fronte.

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *