Il mercato degli NFT rimane un fenomeno di nicchia del mondo Crypto

A partire da un fatturato stimato di 3,7 miliardi di dollari in tutto il mondo nel 2019, gli scambi di criptovalute, i neobroker e i mercati NFT hanno registrato un boom negli ultimi due anni di pandemia. Anche se questi ultimi hanno visto un aumento vertiginoso del traffico e del numero di utenti nel 2021, probabilmente continueranno a costituire solo una piccola parte delle entrate totali generate per le società di trading di criptovalute, come mostra il nostro grafico basato sui modelli del nostro Statista Digital Market Outlook.

Il mercato degli NFT e le piattaforme crypto

Secondo gli analisti di Statista, le entrate per le piattaforme di criptovaluta e NFT, escluse le piattaforme Decentralized Finance (DeFi), Web3 e B2B dedicate, saliranno a una cifra stimata di 71,5 miliardi di dollari nel 2025. Ciò si traduce in un tasso di crescita annuale composto (CAGR) previsto di 21 percentuale da qui al 2025.

Sebbene il CAGR per le entrate del trading NFT da solo sarà superiore del 14%, si stima che entro il 2025 ammonterà ancora a soli $ 6,9 miliardi o circa il dieci percento di tutte le entrate delle piattaforme di trading di criptovalute. Questa differenza di valore probabilmente influenzerà anche la penetrazione globale degli utenti, con un tasso di adozione previsto del 4,5 percento per le criptovalute e solo dell’uno percento circa per gli NFT.

Questa percentuale relativamente bassa potrebbe suggerire che il trading di criptovalute rimarrà un argomento specializzato per gli anni a venire, ma la quantità di denaro spostata su scambi come Binance e Coinbase o mercati NFT come Opensea o Rarible è già sbalorditiva.

Un’analisi della società di consulenza di servizi finanziari Optimas suggerisce che le entrate totali di dette borse hanno superato quelle delle borse tradizionali come il NYSE e il Nasdaq nel 2021, con rapporti aggiuntivi di Bloomberg che stimano che le più grandi piattaforme di scambio di criptovalute generano entrate fino a $ 3 milioni al giorno per se stessi nell’ultimo anno.

Come spesso accade con le speculazioni finanziarie ad alto rischio, la maggior parte della criptovaluta disponibile che genera tali entrate è concentrata in una piccola percentuale di portafogli. Ad esempio, il 2% di tutte le entità probabilmente controlla il 72% di tutti i Bitcoin attualmente coniati, come suggerisce un’analisi di Glassnode.

Alcuni dei principali flussi di entrate per gli scambi e i mercati sono le commissioni di transazione, le cosiddette commissioni sul gas, le commissioni di conversione applicabili quando si scambiano token come Bitcoin o Ethereum con dollari USA o altre valute legali, nonché le commissioni di quotazione pagabili dai creatori del corrispondente token, che possono variare da $ 2 milioni a $ 15 milioni per token secondo la società di sviluppo fintech Soft-X.

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *