Il metaverso creerà il metawork?

Sebbene anche gli esperti abbiano difficoltà a concordare una definizione sintetica per il metaverso dell’attuale generazione che comprenda tutte le sue possibili aree di utilizzo, probabilmente rimarrà una delle più grandi parole d’ordine della tecnologia per gli anni a venire, toccando la nostra vita quotidiana in un varietà di modi.

Pertanto non sorprende che il 51% degli intervistati della Generazione Z al sondaggio annuale Work Trend Index di Microsoft abbia pensato che avrebbe svolto almeno parte del proprio lavoro in un ambiente metaverso nei prossimi due anni. Anche la generazione dei baby boomer vede questa come una possibilità, come indica il nostro grafico.

Il 28% della coorte di età nate tra la metà degli anni ’40 e la metà degli anni ’60 del 20° secolo concorda sul fatto che lavoreranno all’interno del metaverso almeno in parte nel prossimo futuro, con il 37% degli intervistati della Gen X e il 48% dei Millenial condividendo lo stesso sentimento. È interessante notare che solo il 16 percento di tutti i 31.102 partecipanti intervistati da Edelman Data x Intelligence per Microsoft non si vede lavorare nel metaverso in alcun modo in futuro.

Metaverso: nuove opportunità lavorative

Sebbene alcune aree della società siano ancora fortemente basate sulla presenza fisica e sull’interazione, la strada verso un ambiente di lavoro virtuale è più breve di quanto questo 16% potrebbe pensare.

Con l’avvento della pandemia di coronavirus, un gran numero di lavori d’ufficio è passato a un modello di lavoro remoto o ibrido, incorporando ulteriormente soluzioni digital-first come la collaborazione nel cloud o piattaforme di comunicazione come Slack o i team di Microsoft nei propri flussi di lavoro.

Come mostrano i dati dello stesso sondaggio, quest’ultimo ha visto un’enorme diffusione su tutta la linea: tra marzo 2020 e febbraio 2022, il numero di riunioni per persona tramite la sua piattaforma Microsoft 365 è aumentato del 153% e il numero di chat per persona è cresciuto del 32 per cento.

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *