Investire in Oro?No in Olio di Oliva

Dopo che il caldo estremo nell’Europa meridionale ha causato danni significativi alle colture, i prezzi dell’olio d’oliva stanno salendo ulteriormente in territorio da record. Ciò ha portato il costo di cottura di una classica Pizza Margherita a rimanere ben al di sopra dell’attuale tasso di inflazione italiano.

I calcoli di Bloomberg basati su dati Istat e Ministero dell’Economia hanno mostrato che il costo degli ingredienti più l’energia per cucinare una Pizza Margherita è aumentato del 14% a giugno rispetto a un anno prima.

La buona notizia è che i costi associati alla produzione della pizza sono diminuiti dalla fine del 2022, ma rimangono il doppio dell’inflazione italiana complessiva.

Scopriamo i costi dell’Olio di Oliva e di una pizza

“Il costo per l’acquisto della pizza preparata è aumentato solo del 7% rispetto all’anno precedente, rendendo più conveniente acquistare una versione già pronta della prelibatezza presso il negozio”, ha osservato Bloomberg.

I cinque componenti del cestino della pizza includono farina, mozzarella, pomodoro, olio d’oliva ed elettricità.

Ecco la ripartizione dei costi:

  • I prezzi al consumo della farina sono aumentati del 6,8% a/a, ma sono diminuiti dello 0,6% m/m
  • I prezzi al consumo della mozzarella sono aumentati del 17,7% a/a ma sono diminuiti dello 0,4% m/m
  • I prezzi al consumo dei pomodori sono aumentati del 12,8% a/a, ma sono diminuiti del 10,0% m/m
  • I prezzi al consumo dell’olio d’oliva sono aumentati del 26,7% a/a e del 2,4% m/m
  • I prezzi al consumo dell’elettricità sono aumentati dell’1,4% a/a, ma sono diminuiti del 6,6% m/m

La buona notizia è che i costi di produzione della pizza stanno tornando sulla Terra. Ma uno dei componenti del paniere, l’olio d’oliva, continua a salire a nuove vette record.

A maggio abbiamo scritto una nota intitolata I prezzi dell’olio d’oliva salgono mentre il principale produttore afflitto dalla siccità, che sottolineava che la grave siccità e i terreni aridi in Spagna hanno provocato danni diffusi alle colture di ulivi.

I dati di Bloomberg mostrano che i prezzi dell’olio extravergine di oliva spagnolo sono aumentati del 282% rispetto ai minimi di agosto 2020. I prezzi arrivano a 7.519 euro per tonnellata, il livello più alto mai registrato con dati che risalgono al 2010.

“La produzione in Spagna potrebbe più che dimezzarsi in questa stagione a causa delle condizioni aride, secondo un gruppo dell’industria agricola spagnola”, ha scritto Bloomberg a maggio. La Spagna rappresenta il 40% dell’offerta mondiale, indicando che i prezzi in Europa e in altre regioni sono destinati ad aumentare ulteriormente.

Il calo della produzione di olio d’oliva a causa degli effetti devastanti delle ondate di caldo in Europa offre una prospettiva cupa per gli amanti della pizza colpiti da costi elevati.

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *