Regolamentazione delle criptovalute: quali sono gli stati a favore?

Alcuni paesi dichiarano che Bitcoin ha corso legale ufficiale, mentre altri annunciano il divieto assoluto di criptovaluta. Una mappa del mondo basata sui dati raccolti dalla Law Library del Congresso degli Stati Uniti mostra dove i paesi hanno cercato di fermare l’hype e dove hanno avuto più o meno libero sfogo.

Un esempio di paese che abbraccia la criptovaluta è El Salvador, dove il Bitcoin è stato dichiarato valuta ufficiale nel settembre del 2021 dal presidente populista Nayib Bukele. Il paese tassa e regola anche la criptovaluta. El Salvador si trova in una posizione speciale perché non ha una propria valuta e si affida invece al dollaro USA, come alcuni altri paesi della regione.

Altri paesi che stanno applicando leggi per regolamentare le valute digitali probabilmente non arriverebbero fino a El Salvador. Piuttosto, questi luoghi che sono i paesi più tipicamente sviluppati hanno investito in progetti per lanciare le proprie valute digitali della banca centrale.

Questo è probabilmente un approccio molto diverso dall’utilizzo della tecnologia blockchain rispetto a quello delle criptovalute originali, che sono esplicitamente indipendenti da qualsiasi controllo statale, ma di conseguenza possono essere molto volatili. Tra coloro che esplorano il concetto ci sono gli Stati Uniti, i paesi europei, la Russia e l’Australia. L’India e la Thailandia, che stanno anche regolando ampiamente, hanno già piani più concreti per emettere le proprie valute digitali.

Anche l’Ucraina è stata tra i paesi che hanno regolamentato la criptovaluta, ma mercoledì la nazione ha fatto un ulteriore passo avanti quando ha legiferato un quadro per l’industria della criptovaluta nel paese. La nazione ha fatto la mossa dopo aver ricevuto donazioni in cripto in seguito alla sua invasione da parte della Russia. Regole come la registrazione o l’acquisizione di una licenza per uno scambio di crypto esistono anche in UE, Regno Unito, Canada, Stati Uniti, Messico, Cile, Giappone e Corea, tra gli altri.

La Cina è stata la prima grande economia ad iniziare a emettere la sua valuta nazionale sulla blockchain all’inizio del 2021. Il paese ha adottato un approccio più estremo alla regolamentazione, emettendo un divieto assoluto su di essa. Secondo la Law Library of Congress, nove paesi avevano finora adottato questa misura, mentre molti altri stavano implicitamente vietando l’uso della criptocurrency attraverso le loro altre leggi. Questa pratica era più comune in Africa, Medio Oriente e Asia.

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *